top of page

Come conquistare i clienti mentre sono impegnati a fare... altro.

Aggiornamento: 26 mag 2021



Sono sempre stata fermamente convinta di una cosa: vendere con il solo scopo di vendere non ha mai funzionato.

Se cerchi a tutti i costi di convincere qualcuno a comprare il tuo prodotto o il tuo servizio facendo leva esclusivamente sul fatto che:

  • è il migliore su mercato;

  • costa poco rispetto alla concorrenza;

  • è adatto a tutti;

Beh, mi dispiace dirtelo, ma credo proprio che farai un bel buco nell'acqua.


Pluff! 💦


Detto tra me e te, onestamente, cosa faresti tu se aprissi la porta di casa per trascorrere il tuo tempo libero fuori, varcassi la soglia della sala per rilassarti sul divano, o quella del bagno per... (ehm, insomma hai capito) e, puntualmente, tutte le sante volte, ti vedessi piombare... lui?!



Sarebbe un tantino fastidioso, non trovi?!


Sono convinta che l’ultima cosa che vorresti, dopo una giornata in balia del tran tran quotidiano - o mentre sei in bagno a fare le tue cose - è che qualcuno citofonasse a casa tua per venderti qualcosa che, con estrema probabilità, non senti il bisogno di acquistare in quel preciso momento.


Bene, online funziona alla stessa maniera.

Immaginati però questa dinamica ingigantita x1M. Praticamente, una vera e propria folla urlante di venditori dietro alla tua porta che cerca disperatamente di attirare la tua attenzione, in ogni tuo momento libero, mentre sei intento a fare/organizzare tutt'altro.

Che mal di testa!

Oggi accade principalmente questo, specialmente su piattaforme social. E questo accade perché il digitale offre strumenti illimitati a tutti e consente alla pubblicità di invadere ancor più gli spazi e l’intimità delle persone.


Come inserzionisti abbiamo il magico potere di intrufolarci con estrema semplicità tra le crepe dei contenuti generati da una fitta rete di amici e parenti per mostrare ad un pubblico sempre più ampio i nostri prodotti e servizi.


Come consumatori, d'altro canto, abbiamo imparato a cercare attivamente la soluzione commerciale più adatta alle nostre esigenze nel momento per noi più opportuno.


Per cui, se non stiamo effettuando attivamente una ricerca per un potenziale acquisto, in quanto consumer, dal web ci aspettiamo solo una cosa: i-n-t-r-a-t-t-e-n-i-m-e-n-t-o.


A meno che tu non sia un appassionato di ali di pipistrello per gatti, di leggings con stampe di Nicholas Cage, e trascorri il tuo momento di massima riflessione in bagno a sfogliare i caroselli Wish piuttosto che leggere un bel (o brutto) libro, l'approccio di vendita puro e invasivo alla Media Shopping non sarà affatto efficace e il messaggio pubblicitario verrebbe bellamente ignorato con uno scroll secco.

wish-carosello-facebook
Questo è un omaggio per te, amante di inserzioni no-sense 🖤.

Se hai optato fin ora più per un advertising esclusivamente orientato alla vendita, e quindi hai adottato una mentalità esclusivamente pushing e per niente pulling, sarà necessario che ripensi completamente tutto l'approccio.


Qual è il modo migliore per farlo?! Emozionando e incuriosendo.


Esistono diverse iniziative di marketing molto efficaci che, se ben pianificate, sono in grado non solo di stimolare l’interesse del target ma anche di distinguere il tuo brand dalla concorrenza, rendendolo memorabile e consentendoti di generare più conversioni sul lungo periodo.


Ora penserai: "sì facile a dirsi, ma a farsi?!". Non preoccuparti, ho pensato anche a questo.


Sono la prima che, quando legge articoli su "how to", poi si aspetta delle risposte concrete.

Per questo ho preparato un case history che riassume le best practice per switchare da un approccio puramente di vendita ad un approccio più orientato al racconto di brand, che puoi scaricare qui 👇

Facebook ADS e il potere delle emozioni
.
Download • 1.93MB

Ma non è finita.

Nell'approfondimento analizzo il potere delle emozioni, in particolare mi concentro su Facebook Ads, ma è altrettanto importante destare curiosità nel pubblico per convertirlo a cliente.


Di questo, ti parlo in questo articolo, dove analizzo il magico potere delle campagne Teaser.


Anche perché probabilmente... il tempo di lettura sulla tazza per te è finito 🚽.

E io non voglio rubartene più del dovuto 😉

84 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page